Image Slider

  • 1.jpg
  • 2.jpg
  • 3.jpg
  • 4.jpg
  • 5.jpg
  • 6.jpg
  • 7.jpg
  • antigona1.jpg
  • antigona2.jpg
  • antigona3.jpg
  • ax0.jpg
  • ax1.jpg
  • ax3.jpg
  • ax4.jpg
  • ax5.jpg
  • ax6.jpg
  • ax7.jpg
  • cuccioli_2015_1.jpg
  • cuccioli_2015_2.jpg
  • cuccioli_2015_3.jpg

Home

Amputazioni

In breve, i cani nati in Italia successivamente al 12/01/2007 (ordinanza Turco) dovranno essere giudicati con coda integra, fatta eccezione per i soggetti appartenenti alle razze con caudectomia prevista dallo standard FCI. I cani nati in Italia successivamente al 12/01/2007 dovranno essere giudicati con orecchie integre. L'esperto giudice deve comunque procedere alla valutazione ed al giudizio dei soggetti con orecchie e/o coda tagliate purché nati prima del 12/01/2007. In Italia la questione della legittimità di tali pratiche continua a contrapporre lo schieramento dei tradizionalisti (che non vedono di buon occhio "l'insolito" aspetto del Dobermann integro, ritenendo che con orecchie e coda "lunghe" la razza perda parte del suo fascino, oltre a creare problemi di allevamento, dato che nella selezione non si erano mai prese in considerazione queste parti del corpo), e quello di coloro che ritengono invece inutile e crudele tale pratica, la quale oltretutto priva il cane di strumenti importanti per la comunicazione con i suoi simili e con l'uomo stesso. Ora è entrata in vigore dal 1º novembre 2011 la legge numero 201 del 4 novembre 2010 "Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, fatta a Strasburgo il 13 novembre 1987, nonché norme di adeguamento dell'ordinamento interno" nello specifico Articolo 10 – Interventi chirurgici 1. Gli interventi chirurgici destinati a modificare l'aspetto di un animale da compagnia, o finalizzati ad altri scopi non curativi debbono essere vietati, in particolare: a) il taglio della coda; b) il taglio delle orecchie; c) la recisione delle corde vocali; d) l'asportazione delle unghie e dei denti. 2. Saranno autorizzate eccezioni a tale divieto solamente a) se un veterinario considera un intervento non curativo necessario sia per ragioni di medicina veterinaria, sia nell’interesse di un determinato animale; b) per impedire la riproduzione. 3. a) gli interventi nel corso dei quali l’animale proverà o sarà suscettibile di provare forti dolori debbono essere effettuati solamente in anestesia e da un veterinario o sotto il suo controllo; b) gli interventi che non richiedono anestesia possono essere praticati da una persona competente in conformità con la legislazione nazionale. (la legge è consultabile presso il sito della Gazzetta Ufficiale il numero 283 del 3 dicembre 2010 e la Convenzione Europea, il testo integrale è consultabile sul sito della camera dei Deputati)

 

Nei paesi in cui l'amputazione del Dobermann è proibita dalla legge, la selezione ha portato a orecchie più piccole e meglio aderenti, code a scimitarra, o a punto interrogativo, nonché a cani nati naturalmente anuri o "natural bob tail".